Passa ai contenuti principali

La magia di stare insieme e... Cappon Magro

A Natale sono le persone con cui lo passi a fare a differenza..
Così ci ha ringraziate una delle mie più care amiche dopo la serata trascorsa ieri insieme.
 Fino a mezzanotte a parlare e ridere insieme.. E non vorresti mai andare via.. 

Già perché il Natale oltre ai regali e ai pranzi sontuosi è anche questo.. La magia di ritrovarsi con chi si vuol bene..

Con queste parole voglio augurare a tutti un sereno e felice Natale, buone feste e buon inizio di nuovo anno, sperando che per tutti questo porti belle novità e soddisfazioni.

Ed arriviamo alla ricetta... Dall'anno scorso non manca sulla tavola di Natale il Cappon Magro, antipasto tipico della tradizione ligure che io, devo ammetterlo, prima non conoscevo. Ho scoperto questo piatto durante un  corso, un po' incuriosita dal nome e un po' perchè tutti ne elogiavano la bontà..
Sulla Cuciniera Genovese così viene descritto: "Come i ravioli sono la regina di tutte le minestre, così il cappon magro, quando sia ben confezionato, è la migliore di tutte le insalate che si conoscono"; 

ed è davvero così... 
Il Cappon Magro è come una torre di strati di verdure bollite e pesce (sia esso branzino, merluzzo o crostacei.. quello che più vi piace), impreziosito da salsa verde.. Una vera chicca della gastronomia ligure..

Ingredienti:
1/2 kg di patate
qualche foglia di bietola
1/2 kg di fagiolini
1 piccolo cavolfiore
1 barbabietola rossa
1/2 kg di scorzanera
1 kg di pesce a scelta (cappone, branzino o merluzzo)
1/2 kg code di gamberi e/o astice
4 filetti di tonno sott'olio
1 pacchetto di gallette o pane azzimo
1 tavoletta di gelatina Ideal

Preparazione:
 Lessare le verdure, separatamente, in acqua e sale (circa 15 minuti di cottura, 10 minuti per il cavolfiore); scolarle e tagliarle a fette non troppo spesse, tranne i fagiolini che verranno utilizzati interi.
Bollire il pesce in brodo vegetale (carota, sedano, cipolla e due foglie di salvia) per 10 minuti; lasciarlo raffreddare nel suo brodo, quindi scolarlo, pulirlo, spinarlo e ridurlo in pezzi; sbollentare per 2 minuti i gamberi e per 5 minuti l'astice.
Preparare la gelatina sciogliendo una tavoletta di gelatina Ideal in mezzo litro di acqua bollente e lasciando bollire per 5 minuti. Aggiungere un cucchiaio di aceto e far raffreddare.
Preparare tutti gli ingredienti pronti per essere utilizzati:
 Composizione del piatto:
Occorre una forma da plumcake piuttosto alta (circa 8 cm);
Rivestire lo stampo con pellicola trasparente abbondante, in modo da poter richiudere lo stampo una volta riempito il tutto.
Il primo strato è costituito da gallette imbevute nell'aceto, poi si procede con strati di verdure e pesce a piacere, ricordandosi di spennellare ogni strato con gelatina e ogni tanto anche un po' di salsa verde;
Terminare l'ultimo strato con gallette imbevute nell'aceto e richiudere con la pellicola; lasciare riposare una notte in frigorifero con un peso sopra;
 Il giorno dopo si procede all'impiattamento: occorre un grande piatto da portata sul quale va adagiata la nostra forma da plumcake, liberata dalla pellicola.
Sulla sommità viene versato un leggero strato di maionese e decorato con gamberi, olive o carciofini.. 
Io in questo caso ho optato per dei gamberi:




Buon Natale a tutti!



Con questa ricetta partecipo al contest "Timballo da sballo" di Provolina in cucina

http://www.provolinaincucina.com/2013/11/contest-timballo-da-sballo.html

 e al contest "Che vino ti porto per il cenone?" di Semi di vaniglia, abbinando il piatto al vino Lex, Piemonte Bianco, in quanto la sua struttura si abbina perfettamente a antipasti di pesce e piatti elaborati di crostacei.

 http://semivaniglia.blogspot.it/2013/12/che-vino-ti-porto-per-il-cenone.html?spref=fb

E al contest "Idee per il menù delle feste" di Acqua e Menta: questo piatto è un'ottima idea per diabetici, celiaci e qualsiasi tipo di intolleranza ai latticini e simili, in quanto unicamente composta da verdure e pesce bollito, eventualmente spennellato con un pochino di salsa verde!

contest01_menù delle feste

Commenti

  1. Spettacolare! Chissà che buono! Ricetta aggiunta, in bocca al lupo.
    Floriana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara! Sono contenta ti piaccia! Bellissimo il tuo contest! Un'idea fantastica!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La Sicilia nel cuore.. e nel piatto: Pasta con tonno, datterini e pesto di pistacchi

La Sicilia, terra dei miei nonni materni, io non l'avevo mai vista. E cosa mi ero persa. Terra di storia, quella antica. Di templi, cattedrali e monumenti. Terra di sapiente cultura culinaria, un mix di etnie, che si sono susseguite, lasciando la loro traccia nei piatti che raccontano quest'isola.
E io non potevo che innamorarmene. Degli usi e costumi, radicati della quotidianità delle persone. Degli accenti e cadenze nel parlare, che a me sono suonati così familiari. Dei modi, che ti fanno sentire come se fossi a casa. Delle storie che ti racconta la gente del luogo, che in quei luoghi ci ha vissuto, lavorato.
Ho imparato in questa vacanza, non ho solo viaggiato. Sono rimasta affascinata dai racconti e ne ho fatto tesoro.
Ho cercato in questa ricetta di riassumere quello che mi è rimasto più nel cuore di questo viaggio:  la tonnara della splendida isola di Favignana, raccontata dal cuore innamorato di un suo lavoratore, Zio Peppe. le saline di Trapani, dove, abbagliati dal sole, si capisc…

Di ritorno dalle vacanze con una ricetta tutta ligure: Pansoti in salsa di noci

Le vacanze sono finite, trascorse, terminate. Adoro viaggiare, scoprire nuovi angoli di bellezza, rimanere abbagliata dalla cultura dei luoghi e delle persone. Ma adoro anche tornare, rivedere i miei angoli di paradiso, rispolverare le mie, di tradizioni, questa volta... Magari con un pizzico di innovazione.
E così nascono questi pansoti, tipica ricetta della mia terra e pilastro saldo della mia cucina. Li ho già fatti molte volte, ma questi rappresentano la versione più povera, priva di ricotta con unicamente tante verdure di campo nel ripieno.

Per dare un tocco di innovazione ho inserito pezzettini di foglie di maggiorana nella sfoglia.


Ingredienti: Per la pasta: 400 gr farina 2 uova foglioline di maggiorana acqua q.b. Per il ripieno: 1 kg preboggion(erbe di campo miste) 1 spicchio di aglio parmigiano reggiano q.b. maggiorana noce moscata Per la salsa di noci: 200 gr noci 50 gr pinoli 4 foglie di prezzemolo maggiorana 1 spicchio di aglio mollica di un panino ammollata nel latte
Esecuzione: Impastare tutti gl…