Passa ai contenuti principali

La Provenza e Pasta avec les Moules

Eccomi come promessoa raccontarvi del mio piccolo w.e. di fuga da tutto, di relax, di scoperte e di curiosità..
Adoro la Francia, per me é una seconda casa, credo sarebbe l'unico posto dove andrei a vivere, dovendo rinunciare alla mia adorata Italia..

In questo piccolo viaggio abbiamo deciso di buttarci alla scoperta di Aix en Provence e dintorni, scoprendo una parte di mondo al limite del fiabesco.

Abbiamo visitato le città più grandi, come Aix, Marsiglia ed Avignone, non lasciandoci però sfuggire i piccoli villaggi che contornano la "Capitale della Provenza"..

La prima tappa é stata Aix en Provence, piccola e ricca, a me ha ricordato quelle bellissime bomboniere, tutte perfette e ricche di bellezze.
Ricca di fontane e vie o piazzette tutte da scoprire, mi ha trasportata in un mondo fiabesco..
La cittadina non é grandissima e la parte della Vieille Ville é tutta pedonale, bellissima da girare abbracciati alla propria metà! :)
 

 Vetrine girando per Aix.

 Cours Mirabeau.

 Torre dell'orologio.

 Giardino di essenze provenzali della cattedrale Saint-Saveur.

Al pomeriggio ci siamo poi diretti a Marsiglia: bellissima, me ne sono innamorata al primo sguardo, ricorda moltissimo la mia Genova; maestosa impera sul mare attreverso il suo porto, e la domina con la sua cattedrale e basilica: Notre Dame de la Major e Notre Dame de la Garde. 
Perdersi nei vari quartieri, il Vieux-Port, le Panier.. assoporarne l'aria, la sua multietnia, i suoi odori, mix di culture venute dal mare..

 Notre Dame La major.


  Le vieux port.

 Le panier.

 Notre Dame de la Garde.

E associata a questo viaggio vi regalo una pasta che io adoro.. E con tutti quei "Moules" che ho visto in porto, non ho potuto non preparare al mio ritorno..

Pasta avec les moules et fruits de la mer
Ingredienti:
160gr pasta (noi spaghetti)
300gr vongole
500gr muscoli
qualche pomodorino
vino bianco q.b.
 Aglio e prezzemolo tritati con un pizzico di peperoncino

Esecuzione:
Tritare finemente aglio prezzomolo e peproncino.
A parte far aprire le vongole e le cozze con un po' del trito e di olio.
In una capiente padella scaldare l'olio, aggiungervi il trito ed infine les conquillages aperte e private del guscio(lasciatene qualcuna per come decorazione).
Sfumare con vino bianco e aggiungere l'acqua delle vongole/cozze, evitando di salare se questa fosse già sufficientemente sapida.
Tagliare a cubetti qualche pomodorino a unirlo al tutto, portando a cottura.
Piccolo trucco: aggiungere un fioccchetto di burro. 
Saltare in questo sugo la pasta, scolata al dente, ed impiattare.




Con questa ricetta partecipo al contest di Enrica in collaborazione con 

http://vadoincucina.blogspot.it/2014/05/1contest-la-mia-pasta-con-sponsor.html
http://www.pastalagano.it/




Commenti

  1. grazie inserisco subito questa delizia ;)

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia in questo periodo la Provenza..mi fai venir voglia di partire all'istante ma non prima di aver assaggiato anche questo meravigliosa pasta..complimenti!!!
    Buona domenica cara <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ripartirei subito!! ;)
      Grazie tesoro, è una ricetta semplice ma gustosa!! ;)
      Un abbraccio!

      Elimina
  3. Bellissimi posti! Marsiglia la conosco e ho un legame fortissimo con questa splendida città ,era la città natale di mia mamma e lei me ne parlava così tanto quando ero ragazzina che la sento anche un pò mia. Aix invece forse riesco a visitarla la prossima estate e non vedo l'ora! Bellissimi i ristorantini sul porto a Marsiglia vero? Quegli spaghetti sono spettacolari! Un abbraccio grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai che Aix ti entrerà nel cuore come tutti i magnifici paesini della Provenza... C'è un'aria magica e fiabesca in quei luoghi!
      E che dire di Marsiglia, cosi simile alla mia Genova mi ha fatta subito innamorare di se!! ;)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

La mia Victoria Sponge Cake per il club del 27!

Qualcuno direbbe, ci sono cose che non si possono provare, per tutto il resto, c'é MtChallenge!

Sì, perchè alcune preparazioni o ricette, se non le propongono le menti diaboliche dell'MTC, tanti di noi non le sognerebbero nemmeno, vero??

Eppure ogni volta, scoprire nuovi dettagli e condividere nuove preparazioni è uno stimolo e una spinta a migliorarsi.
E così quando si è palesata l'idea di un club, con vari temi, di mese in mese, per sperimentare e cucinare insieme, non ho potuto dire di no!
L'idea è quella di proporre un ventaglio di ricette, tutte collegate da un filo conduttore, da modificare e reinterpretare, senza snaturare la ricetta originale.

Questo mese il tema è "Layer Cake" e io mi sono unita al gruppo con una Victoria Sponge Cake alle fragole.
Ho eseguito la ricetta originale, sostituendo la marmellata di lamponi con quella di fragole, pensando all'ottimo abbinamento panna e fragola!
Una ricetta più semplice del previsto, bellissima da vedersi e ott…

Parmigiana di melanzane a freddo e il nostro weekend ad Agerola per Risate e Risotti

Un weekend all'insegna della cultura alimentare e della biodiversità.
Ecco come posso definire il weekend passato (3-5 Marzo 2017).

La ricetta che propongo oggi è infatti un elogio agli ingredienti magnifici che ho trovato in questo territorio.
Lo chef che ci ha guidate in questo magnifico tour enogastronomico è Antonio Villani, chef del ristorante dell'hotel San Pietro a Positano.

Come siamo finite in questo magnifico luogo? 
L'organizzatore dell'evento Risate e Risotti, Luca Puzzuoli, ci ha invitate come ospiti, assieme alla foodblogger Cristiana, ad Agerola, magnifico paese nell'entroterra della costiera amalfitana.
Un'occasione per cucinare con grandi chef e per scoprire luoghi da noi mai visitati.

Nella giornata di sabato, affiancate da chef preparati e qualificati, abbiamo preparato una ricca cena per l'agriturismo La Cascina del Sole ad Agerola.
Splendidi piatti, magnifiche preparazioni corredate da accurate spiegazioni ci hanno accompagnate per tutta la gio…