Passa ai contenuti principali

Barrette di cereali homemade


Spesso mi ritrovo in casa con svariate scatole di cereali, riso soffiato e muesli aperte o ancora integre che mi guardano tristi dallo scaffale in dispensa..
Questo accade perché, sistematicamente e ciclicamente -ma non con cadenza stabilita - mi prende la fissa di fare colazioni sane, con cereali, yogurt e frutta fresca.. Ma riesco in quest'intento solo nei periodi estivi, quando nelle mattinate calde e afose, lo yogurt "impastato" con il muesli mi piace da morire..
Passato questo transitorio, o mi ritrovo con scatole di cereali aperte o, peggio, mi faccio prendere dalla voglia di comprarle nel periodo invernale, quando so benissimo che se fuori soffia il vento tagliente tipico di Genova o piove o - disastro! - nevica, io sono solo capace di sfornare torte e crostate da gustare con dell'ottimo té o caffé bollente..

Ed ecco l'illuminazione per utilizzare tutti questi cereali aperti.. 
Forse saranno stati tutti quei frutti essiccati o disidratati e la vagonata di frutta secca che mi strizzano l'occhio dalle vacanze di Natale, ma mi sono venute in mente quelle croccanti barrette che possono essere usate sia per colazione, sia, in versione ridotta, come spezza fame di mezza mattinata, o come gustosa e sana merenda per i bimbi..
PRECISAZIONE: si astengano quelli che credono che questa sia una ricetta light: tra burro, zucchero, cereali e frutta secca/disidratata queste barrette sono tutto tranne che dietetiche.. ^_'

Ingredienti:
120 gr Muesli misto(il mio aveva frutta esotica e uvetta all'interno)
30 gr crusca d'avena
50 gr riso soffiato
5 fette di mela disidrata
50 gr nocciole sgusciate e tostate
100 gr burro
30 gr zucchero
100 gr miele

Esecuzione:
Foderare una teglia rettangolare di 20x15 cm con carta forno bagnata e strizzata.
Mescolare tutti gli ingredienti secchi in una ciotola;
in un pentolino mescolare il miele con lo sciroppo d'acero, lo zucchero e il burro.
Mettere il pentolino sul fuoco, portare ad ebollizione e cuocere qualche minuto; quanto il tutto é ancora caldo versare nella ciotola e mescolare velocemente (occhio che il mix caldo é letteralmente ustionante).
Versare il composto nella teglia, livellando e premendo bene il composto (questo farà restare compatte le barrette).
Infornare per 15 minuti a 180°, dopo di che estrarre la teglia, lasciare raffreddare qualche minuto e ribaltare su se stesso l'impasto, infornandolo nuovamente per altri 10/15 minuti.
Estrarre la teglia dal forno, fare raffreddare completamente e procedere al taglio in base alla grandezza voluta: a me ne sono venute 6 grossine, più da colazione o da snack pre-palestra che da spezza fame..!





Con questo post partecipo al Giveaway di Dolcizie
Il suo blog é carinissimo e io la seguo da tempo, crea piatti meravigliosi e fa foto stupende.. Come perdermi questo super giveaway?

 GIVEAWAY!!!!!!!!!!

  
 

Commenti

  1. Hai trovato un ottima soluzione x ripulire la dispensa e con questo freddo è anche un bene che non siano troppo light..almeno scaldano con le loro "sane" calorie ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheheheh, hai ragionissima!
      Diciamo "energetiche"?!? :D
      Un abbraccio

      Elimina
  2. Tesoro che meraviglia!!! Bravissima :) Un grande bacioooo

    RispondiElimina
  3. Ahhhahah ti immagino perplessa fissare la dispensa, chiedendoti tra te il perchè di queste compulsioni verso i cereali... ma il bello della cucina è proprio saper reinventare, dare una nuova forma ad ingredienti conosciuti e comuni... tu ci sei riuscita benissimo. Ti abbraccio forte, fortissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma si... Ma perché sono recidiva scusa!!! ;)
      Però è bello provare a inventare, impastare, frullare e infornare! ;)
      Un abbraccio tesorina!

      Elimina
  4. Allora, io adoro queste barrette e le ammiro nei vari blog che seguo, solo che una volta ho provato a farle e non mi si sono compattate, ora...non è che avessi seguito alla ricetta la ricetta e sicuramente ho sbagliato, quindi ora che le vedo da te, mi fido alla grande....le devo assolutamente riprovare no? e speriamo bene sta volta! grazie per l'idea che è ritornata in mente! bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me all'inizio non si erano compattate.. Per quello ho ribaltato il composto e l'ho cotto dai due lati.. Restano più "solide" pur mantenendo una certa morbidezza all'interno.. Bisogna pressare bene e usare un buon equilibrio di ingredienti solidi/liquidi.. Cosi si incollano! ;)
      Che bello che tu sia passata di qui!
      Un abbraccio!

      Elimina
  5. che buone le barrette!!!! Le devo fare da una vita e non ho mai tempo,alla fine prediligo sempre altro... dai, mi riprometto di farle. Le tue sono perfette. Bravissima!!! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara!
      In effetti anche io non sono da cereali e barrette.. Ma in versione "big" sono riuscite ad accaparrarsi un posto nelle mie colazioni! Sane, seppur caloriche, e sazianti, perché i cereali hanno il potere di farci sentire "pieni" più a lungo.. :D
      Un abbraccio!

      Elimina
  6. squisite queste barrette che hai preparato, passamene almeno 1!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ihihihih... Volentieri!!! ;)
      Grazie!
      Un abbraccio

      Elimina
  7. Spesso ci ritroviamo anche noi nelle tue condizioni, con confezioni mai terminate di cereali :) Questa sì che è una bella idea per smaltirle, energetiche e golose!!!
    Brava!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provatele..! E si prestano a mille variazioni: cioccolato, frutti rossi, cocco ecc!!
      Un abbraccio!

      Elimina
  8. Questa potrebbe essere un'idea fantastica!!! anche io come te mi trovo una marea di cerali diversi aperti!!! al diavolo le calorie!!! E spazio al gusto!!!
    Buon week end!!
    Baci cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna sempre inventarsi qualcosa in cucina...! ;)
      Buon weekend anche a te cara!
      Un abbraccio

      Elimina
  9. grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per il bellissimo giveaway! ^_^

      Elimina
  10. e' da tanto che voglio provarle, ma rimando perché mi sembrano complicate...proverò di sicuro la tua ricetta grazie ai passaggi molto chiari. A presto. Alessandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no, sono semplici!!! Provala, non ti deluderà, vedrai!
      Se la provi fammi sapere il tuo giudizio! ^_^
      A presto, un abbraccio

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La Sicilia nel cuore.. e nel piatto: Pasta con tonno, datterini e pesto di pistacchi

La Sicilia, terra dei miei nonni materni, io non l'avevo mai vista. E cosa mi ero persa. Terra di storia, quella antica. Di templi, cattedrali e monumenti. Terra di sapiente cultura culinaria, un mix di etnie, che si sono susseguite, lasciando la loro traccia nei piatti che raccontano quest'isola.
E io non potevo che innamorarmene. Degli usi e costumi, radicati della quotidianità delle persone. Degli accenti e cadenze nel parlare, che a me sono suonati così familiari. Dei modi, che ti fanno sentire come se fossi a casa. Delle storie che ti racconta la gente del luogo, che in quei luoghi ci ha vissuto, lavorato.
Ho imparato in questa vacanza, non ho solo viaggiato. Sono rimasta affascinata dai racconti e ne ho fatto tesoro.
Ho cercato in questa ricetta di riassumere quello che mi è rimasto più nel cuore di questo viaggio:  la tonnara della splendida isola di Favignana, raccontata dal cuore innamorato di un suo lavoratore, Zio Peppe. le saline di Trapani, dove, abbagliati dal sole, si capisc…

Di ritorno dalle vacanze con una ricetta tutta ligure: Pansoti in salsa di noci

Le vacanze sono finite, trascorse, terminate. Adoro viaggiare, scoprire nuovi angoli di bellezza, rimanere abbagliata dalla cultura dei luoghi e delle persone. Ma adoro anche tornare, rivedere i miei angoli di paradiso, rispolverare le mie, di tradizioni, questa volta... Magari con un pizzico di innovazione.
E così nascono questi pansoti, tipica ricetta della mia terra e pilastro saldo della mia cucina. Li ho già fatti molte volte, ma questi rappresentano la versione più povera, priva di ricotta con unicamente tante verdure di campo nel ripieno.

Per dare un tocco di innovazione ho inserito pezzettini di foglie di maggiorana nella sfoglia.


Ingredienti: Per la pasta: 400 gr farina 2 uova foglioline di maggiorana acqua q.b. Per il ripieno: 1 kg preboggion(erbe di campo miste) 1 spicchio di aglio parmigiano reggiano q.b. maggiorana noce moscata Per la salsa di noci: 200 gr noci 50 gr pinoli 4 foglie di prezzemolo maggiorana 1 spicchio di aglio mollica di un panino ammollata nel latte
Esecuzione: Impastare tutti gl…