Passa ai contenuti principali

Zuppa inglese nell'uovo


La zuppa inglese é il dolce che mia nonna Maria ha sempre fatto.
Questo lo racconta sempre mio padre quando, con gli occhi che brillano al ricordo della sua mamma, narra di come lei preparasse questo dolce.
"Una cucchiaia di crema bianca, qualche savoiardo inzuppato, ancora crema, questa volta nera.." Tutto senza troppo badare che la crema fosse ben divisa, ben spalmata o i biscotti ben distribuiti.
Tutta pasticciata. Ed era proprio questa il segreto della sua bontà.
Ciò che contava era il gusto, la sostanza delle cose, tutto secondo tradizione..

E anche se io la nonna Maria non l'ho mai conosciuta, so che vive in me.. 
Io e Marta abbiamo certamente preso da lei l'amore per la cucina, per preparare i piatti, soprattutto quando le preparazioni sono fatte per coccolare e dimostrare affetto verso i nostri cari.
So che questa dimestichezza in cucina, questo sapersi muovere ai fornelli, questa velocità nell'impastare e tirare la pasta sono geni che vengono direttamente da lei.
E mi piace quando papà dice che sono proprio una "rezdora", come mia nonna.

Ingredienti:
2 metà integre di un uovo di Pasqua da 300 gr, fondente 
(se lo fate in casa come ho fatto io, non unite le due metà, tanto vi serviranno i due gusci separati)
250 gr latte
1 uovo intero
80 gr zucchero
25 gr farina
1 bustina di vanillina
30 gr cioccolato
Pan di spagna q.b.
Alchermes e Sassolino
Panna montata per decorare

Esecuzione:
Scaldare il latte, sciogliervi la vanillina.
A parte sbattere l'uovo con lo zuccchero, unirvi la farina e il latte caldo.
Rimettere sul fuoco e fare addensare.
Dividere in due la crema e in una metà sciogliervi 30 gr cioccolato fondente.
Affettare il pan di spagna,inzupparne una parte nell'alchermes(diluito se non volete che il tutto sia troppo alcolico) e una parte nel sassolino.

Ricoprire l'interno dell'uovo con le fette di pan di spagna.
Disporvi le creme, alternandone i colori e le fette di pan di spagna.
Ricoprire totalmente o in parte con ciuffetti di panna montata.







Commenti

  1. ma sai che questa ricetta è veramente geniale??
    pensa a quanti hanno ancora delle uova da far fuori: le possono offrire agli ospiti facendo un figurone!"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io avevo un sacco di uova, pur essendo ormai "cesciutella"...!
      Se abbiamo uova grandi può essere un bel modo di servirla e se abbiamo quelle piccine possono diventare delle ottime monoporzioni! ;)
      Grazie mille cara!

      Elimina
  2. Ottima la zuppa imperiale e bella la presentazione!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro, sei sempre troppo carina!

      Elimina
  3. Che composizione geniale e che delizia! Grazie della partecipazione mia cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, felice che ti piaccia!!! ^_^

      Elimina
  4. Che bellissimi ricordi e che stupenda presentazione..mai vista una zuppa inglese + bella, complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro...! Un modo diverso per presentare un dolce tradizionale! ;)

      Elimina
  5. Ma ciao ragazze! Che bello che voi sentiate sempre accanto a voi la vostra nonna e le cose belle che vi ha trasmesso :). Avete fatto una genialata con questa zuppa inglese nell'uovo, davvero troppo carina. Mi è venuta una voglia di crema pasticcera che non vi dico! Bacioni grandi, Angela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Angela, sei sempre carinissima.. Abbiamo unito tradizione e innovazione.. Per una presentazione un po' diversa! ;)
      Felici che ti sia piaciuta la nostra idea!
      Un abbraccione

      Elimina
  6. Ciao!
    Ma che meraviglia e che bei ricordi!
    Ottima la tua zuppa inglese e bellissima la presentazione!
    A presto!
    Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille cara!
      Siamo contente che ti sia piaciuta la nostra versione di zuppa inglese!
      A presto e grazie ancora di essere passata!

      Elimina
  7. Gagliarda la nonna Maria. Come tutte le nonne, portatrice sana di saggezza in pillole. Meravigliosa questa versione creativa di un dolce classico e sempre apprezzato.
    Un abbraccio ragazzuole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara...! Eh si, la nonna era davvero una forza...! E un ottima cuoca! ^_^
      Un abbraccio!

      Elimina
  8. Grazie di aver partecipato..in bocca al lupo!!

    RispondiElimina
  9. ma lo sai che lo faceva anche la mia nonna?
    però usava le marie mi sembra...e a me non piaceva proprio...mentre ora pagherei per avere la sua ricetta!!
    .. quasi quasi copio la tua!
    in bocca al lupo per il contest!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La Sicilia nel cuore.. e nel piatto: Pasta con tonno, datterini e pesto di pistacchi

La Sicilia, terra dei miei nonni materni, io non l'avevo mai vista. E cosa mi ero persa. Terra di storia, quella antica. Di templi, cattedrali e monumenti. Terra di sapiente cultura culinaria, un mix di etnie, che si sono susseguite, lasciando la loro traccia nei piatti che raccontano quest'isola.
E io non potevo che innamorarmene. Degli usi e costumi, radicati della quotidianità delle persone. Degli accenti e cadenze nel parlare, che a me sono suonati così familiari. Dei modi, che ti fanno sentire come se fossi a casa. Delle storie che ti racconta la gente del luogo, che in quei luoghi ci ha vissuto, lavorato.
Ho imparato in questa vacanza, non ho solo viaggiato. Sono rimasta affascinata dai racconti e ne ho fatto tesoro.
Ho cercato in questa ricetta di riassumere quello che mi è rimasto più nel cuore di questo viaggio:  la tonnara della splendida isola di Favignana, raccontata dal cuore innamorato di un suo lavoratore, Zio Peppe. le saline di Trapani, dove, abbagliati dal sole, si capisc…

Pasta Piselli & Pancetta

D'estate, soprattutto a inizio settimana, dopo un weekend di mare e spiaggia, con pranzi veloci, al sacco, per godersi ogni minuto di sole, mi piace tornare in cucina e cucinare qualcosa di più ricercato e particolare. E se gli ingredienti sono freschi, come i pisellini che ho trovato oggi al mercato, e buoni, come la pancetta con cui ho deciso di accompagnarli, il risultato è garantito. Cottura veloce, per mantenere colori e sapori, e poco altro, giusto uno splendido sole a scaldarci durante il pranzo.
Ingredienti: 250 gr cravattine 200 gr pisellini sgusciati 5 fettine di pancetta piacentina La Rocca 1 cipolla olio extravergine di oliva pepe e sale q.b.
Esecuzione: In una padella antiaderente, con poco olio, soffriggere la pancetta fino a farla diventare croccante. Togliere la pancetta e tenere in caldo. Nella stessa padella aggiungere la cipolla tritata e farla insaporire, soffriggendola dolcemente. Aggiungere i pisellini e far cuocere 5-10 minuti, fino a che essi non risultino teneri. Salare …