Passa ai contenuti principali

Angel cake al cioccolato con frutti di bosco e pepe rosa


"Chocolat" é in assoluto il mio film preferito.
Mi é sempre piaciuta la capacità della protagonista di sapere indovinare il cioccolatino preferito di ogni cliente.
Ed ero e sono affascinata dalla storia legata al vento del Nord.
Potrei guardarlo mille volte, restando affascinata ogni volta.
L'arte del cioccolato é un arte magica: dai semi delle fave di cacao si ricava il nettare degli dei.
Buono in ogni abbinamento, dal dolce al salato, dal naturale allo speziato.

Ispirata dal film e dalla voglia di una coccola tutta per me ho rivisitato un grande classico, la Angel cake.
Ho usato come base la ricetta classica di Montersino, reinventando abbinamenti e sapori.

Angel cake al cioccolato con frutti di bosco e pepe rosa. 
Ingredienti:
450 g di albumi rigorosamente a temperatura ambiente
350 g di zucchero semolato (la ricetta ne prevedeva di più, rispettando le proporzioni, ma avendo anche il cioccolato e la frutta ho preferito ridurre la dose zuccherina)
  150 g di farina 00
40 gr cacao amaro 
6 gr di Lievito per dolci(io non avevo il Cremor tartaro, ingrediente originale della ricetta) 
un pizzico di sale 
100 gr cioccolato fondente sciolto a bagnomaria
200 gr frutti rossi(io ho usato fragole, lamponi e mirtilli)
1 cucchiaio di pepe rosa pestato

Esecuzione:
Montare a neve fermissima gli albumi, dopo di che aggiungere a più riprese lo zucchero.
Aggiungere gli ingredienti secchi setacciati a poco a poco, mescolando dal basso verso l'alto per non smontare il composto.
Aggiungere il cioccolato sciolto, il pepe pestato e la frutta e mescolare un poco.
Versare il composto nello stampo a ciambella e livellarlo con una spatolina (non batterlo per evitare di smontare gli albumi).
Infornare a 180 gr per 40-45 minuti. Durante questo tempo non aprire il forno per evitare che la torta si sgonfi, aprire solo per fare la "prova stecchino".
Lasciare raffreddare completamente, ribaltare sul piatto da portata e cospargere di zucchero a velo.






Con questa ricetta partecipo al Contest del blog di coccole di dolcezza "Albume.. Che guerra sia!"

albumeche

E al contest di Molino Chiavazza "Cacao speziato"


http://cultura-del-frumento.blogspot.it/2015/05/cacaospeziato-raccolta.html

 E al contest di Angolo delle Ghiottonerie "RossoLamponeContest"


http://angolodelleghiottonerie.blogspot.it/

Commenti

  1. Anche a me piace da matti quel film :-) e poi ti ha ispirato una bellissima ricetta ^_^ Complimenti cara e felice serata <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro!
      Felice serata anche a te!

      Elimina
  2. Torta magnifica e golosissima. Poteva benissimo stare nella vetrina di quella chocolaterie del film. Anch'io l'ho visto e rivisto più volte. Ma il libro è ancora più bello perchè i personaggi hanno un'intensità maggiore. L'autrice è bravissima.
    Ha scritto anche il seguito di Chocolat, dove si ritrova la protagonista e la figlia. E' molto bello, non come il primo ma altrettanto magico, e il cioccolato è sempre il protagonista principale. Io intanto mi segno questa ricetta così sogno ancora un po'. Buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissima.
      Leggendo il tuo commento non posso che correre a comprarmi il libro e pure il seguito
      E chissà che non si crei, magari, il seguito di questa torta, da gustare sfogliando le pagine....!
      Buona settimana tesoro!

      Elimina
  3. Chocolat ti ha proprio dato una stupenda ispirazione, la torta è veramente bellissima, particolare e super attraente.....Un connubio di sapori e spezie perfetto, bravissima!
    Buona giornata di festa, un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie pancettine!
      Felici che vi piaccia la nostra creazione au chocolat!
      Buona festa e buona serata!
      Smack

      Elimina
  4. Conosco questi sapori e so quanto bene stiano insieme i cioccolato, i lamponi e il pepe rosa: goduria allo stato puro!
    Chocolat un film culto per ogni cyber-cuoca che si rispetti!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie carissima, come sei carina..!
      Eh si, questo film é proprio un must per noi cuochine! ^_^
      Un abbracciotto!

      Elimina
  5. Non sapevo che Montersino avesse creato una sua ricetta di angel cake ! "L'originale" - ammesso che ce ne sia una che si può definire tale - in bianco non mi piace per nulla: non sa da niente se non da farina. Con il cacao è tutta un'altra storia ! Il cacao ed il cioccolato in genere stanno molto bene con i frutti rossi. Ed il tocco piccante ce lo vedo proprio. Grazie per la ricetta e per la partecipazione !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, l'avevo segnata tempo fa sui "to do".. La sua è molto più tecnica, io mi sono limitata a rispettare le dosi degli ingredienti.. E essendo che anche a me la versione " neutra" non piace molto, l'ho caricata di frutta, cioccolato e un tocco di speziato! ;)
      Grazie a te per il bellissimo e geniale contest! Un abbraccio

      Elimina
  6. UN dolce golosissimo e molto invitante.... complimenti!!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

La mia Victoria Sponge Cake per il club del 27!

Qualcuno direbbe, ci sono cose che non si possono provare, per tutto il resto, c'é MtChallenge!

Sì, perchè alcune preparazioni o ricette, se non le propongono le menti diaboliche dell'MTC, tanti di noi non le sognerebbero nemmeno, vero??

Eppure ogni volta, scoprire nuovi dettagli e condividere nuove preparazioni è uno stimolo e una spinta a migliorarsi.
E così quando si è palesata l'idea di un club, con vari temi, di mese in mese, per sperimentare e cucinare insieme, non ho potuto dire di no!
L'idea è quella di proporre un ventaglio di ricette, tutte collegate da un filo conduttore, da modificare e reinterpretare, senza snaturare la ricetta originale.

Questo mese il tema è "Layer Cake" e io mi sono unita al gruppo con una Victoria Sponge Cake alle fragole.
Ho eseguito la ricetta originale, sostituendo la marmellata di lamponi con quella di fragole, pensando all'ottimo abbinamento panna e fragola!
Una ricetta più semplice del previsto, bellissima da vedersi e ott…

Parmigiana di melanzane a freddo e il nostro weekend ad Agerola per Risate e Risotti

Un weekend all'insegna della cultura alimentare e della biodiversità.
Ecco come posso definire il weekend passato (3-5 Marzo 2017).

La ricetta che propongo oggi è infatti un elogio agli ingredienti magnifici che ho trovato in questo territorio.
Lo chef che ci ha guidate in questo magnifico tour enogastronomico è Antonio Villani, chef del ristorante dell'hotel San Pietro a Positano.

Come siamo finite in questo magnifico luogo? 
L'organizzatore dell'evento Risate e Risotti, Luca Puzzuoli, ci ha invitate come ospiti, assieme alla foodblogger Cristiana, ad Agerola, magnifico paese nell'entroterra della costiera amalfitana.
Un'occasione per cucinare con grandi chef e per scoprire luoghi da noi mai visitati.

Nella giornata di sabato, affiancate da chef preparati e qualificati, abbiamo preparato una ricca cena per l'agriturismo La Cascina del Sole ad Agerola.
Splendidi piatti, magnifiche preparazioni corredate da accurate spiegazioni ci hanno accompagnate per tutta la gio…