Passa ai contenuti principali

Fishburger di Alalunga con maionese all'aglio e marmellata al peperoncino, agrumi e cipolle caramellate


Vi sommergerò di burger, ve l'ho promesso e così sarà..
Cara Arianna, tu mi hai provocato e..
Fishburger sia!

Ecco quale sarà la seconda proposta per la sfida del mese dell'MTChallenge.
Il fishburger, ossia un paninozzo, stile americano, ma con all'interno una polpetta di pesce. 

E il pesce scelto deriva da un episodio di qualche giorno fa: mio padre che canticchia, una sera sul terrazzo, guardando le stelle "Le acciughe fanno il pallone e sotto c'é l'alalunga", strofa ben nota di Fabrizio de André.
E chi lo sapeva cosa era l'Alalunga? L'ho scoperto due giorni dopo, quando, tenace nel voler fare la mia polpetta di pesce a base di tonno, la pescivendola mi dice "Tonno non ne ho cara, ho l'alalunga però che é molto simile, sono infatti della stessa famiglia..!"

"Dling!" ha fatto il mio cervello!
Alalunga sia, questo é un segno..! E che bontà, nulla da disdegnare al parentado pinne gialle, palamita & Co.
La famiglia é infatti la stessa, ma la carne é più bianca, ma comunque compatta: ottima per i miei fishburger.

 Fishburger di Alalunga con maionese all'aglio e marmellata al peperoncino, agrumi e cipolle caramellate con contorno di finocchi e arance a vivo

Ingredienti:
700 gr alalunga
un limone e un arancio a buccia edibile
marmellata al peperoncino (regalata da un amico, fatta con peperoncini calabresi DOC)
maionese all'aglio
 Radicchio rosso
cipolle caramellate
Buns al nero d seppia
sale e pepe q.b.

Per i buns, ho usato la ricetta di Arianna, aggiungendo una sacca di nero di seppia all'impasto:
250 g di farina
130 g di latte
20 g di burro
10 g di zucchero
5 g di strutto
5 g di sale
4 g di lievito di birra fresco
1 cucchiaino di miele (da noi omesso)

 un poco di latte

semi di zucca


Per le cipolle caramellate
3 cipolle di Tropea
1 cucchiaio di aceto bianco
1 cucchaio di acqua
1 cucchiaio di zucchero
20 gr burro

Per la maionese all'aglio (ispirazione presa da qui):
1 uovo  freddo di frigo
200g di olio di arachidi o mais freddo di frigo
succo di mezzo limone
due pizzichi abbondanti di sale

1 spicchio di aglio 

Per il contorno:
2 finocchi 
2 arance


 Esecuzione:
Per il carpaccio di agrumi:
tagliare a fettine sottili il limone e l'arancia condendole con sale, pepe e olio.
Lasciare insaporire per mezz'oretta. 

Per i buns al nero di seppia:
Intiepidire il latte, scioglierci il lievito e lasciar riposare per una decina di minuti. In una boule di vetro capiente setacciare la farina, formare una fontana, versare il latte poco per volta e lasciarlo assorbire mescolando con un cucchiaio di legno. Aggiungere lo strutto ed il burro a temperatura ambiente, la sacca con il nero e il sale e lo zucchero. Impastare fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo, recuperare dall'impasto la sacca(restarà visibile e di una consistenza differente dall'impasto).
Coprire con della pellicola e un panno e lasciar lievitare fino al raddoppio (1-2 ore). Prendere l'impasto,sgonfiarlo leggermente cercando di formare un rettangolo che poi piegherete.

Dividetelo idealmente in tre parti, sovrapponete la parte di destra al centro ed idem con la sinistra (al centro, sopra la destra). Ora rigirate di 90° e fate lo stesso.

Far riposare così l'impasto, con la chiave (la parte della piega) rivolta verso il basso e coperto da un panno per una mezz'oretta. Formare poi i buns (con queste dosi mi vengono 4 panini da circa 80-90 g l'uno). Poggiarli su una teglia coperta da carta da forno e con il palmo della mano schiacciarli leggermente.
Far riposare coperti da pellicola per una mezz'oretta.

Spennellarli con il latte, cospargere di semi di zucca ed infornare a 180° fino a doratura.

Per le cipolle caramellate:
Pulire e tagliare a metà ogni cipolla sfogliandola.
Scaldare e far sciogliere il burro, unirvi le cipolle, far cuocere qualche minuto.
Unire gli altri ingredienti insieme e far assorbire i liquidi alle cipolle: ci vorrà ancora qualche altro minuto.
Far raffreddare.

Per la maionese all'aglio:
Mettere in un frullatore a immersione, l'olio, l'uovo e il succo di limone.
Frullare alla massima velocità fino a che non si formi la maionese.
Regolare di sale, aggiungere l'aglio e frullare nuovamente.

Per il fish:
Pulire il trancio di Alallunga da pelle e spina centrale.
Battere con il coltello fino a ridurre la carne in piccolissimi pezzi.
Formare 4 fish burger (noi abbiamo aggiunto solo un pizzico di sale e pepe).
Cuocere in purezza sulla piastra, giusto qualche minuto per lato

Per il contorno:
Tagliare sottilmente con la mandolina i finocchi
pulire le arance pelandole a vivo e prelevandone gli spicchi privi di buccia e parti bianche.
Condire con olio sale e pepe.

Assemblaggio:
Formare il panino in questo ordine:
Mezzo panino
radicchio
carpaccio di agrumi
fishburger
cipolle
salse
mezzo panino

E... come ormai sappiamo..
...Addentare...! 







Con questa ricetta partecipo all'MTChallenge n°49

http://www.mtchallenge.it/2015/06/mtc-n-49-la-ricetta-della-sfida-di.html

Commenti

  1. Ed io addento come se non ci fosse un domani... Addento e assaporo! È vero, il guanto di sfida è la provocazione li ho lanciati io mi mi state dando una soddisfazione pazzesca.
    Sopratutto tu che hai accolto la sfida con talmente tanti entusiasmo e originalità che già mi hai presentato due versioni diverse e fantastiche.
    E la tua è una originalità che non sfocia nel troppo (bisogna far attenzione perché il confine è labile) ma nell'armonia dei sapori. Questo tuo secondo panino ne è la conferma. Mi piace sopratutto per l'utilizzo dell'alalunga che non tutti conoscono, perché qui all'mtc facciamo scuola e tutti noi diamo un piccolo contributo!
    Grande ricetta, grazie!!
    Aspetto la terza allora... Non mi deludere!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pieno zeppo di errori... È al posto di e, mi al posto di ma, plurale invece del singolare... Scusa sono dal cellulare ora... Na catastrofe... Non andiamo molto d'accordo!

      Elimina
    2. Figurati, non ci faccio nemmeno caso, questi correttori automatici sono terribili!!
      Grazie cara, questo panino ci ha dato ancora più soddisfazioni del primo, incontrando i gusti di tutti i commensali (e gli ometti di casa é difficile appagarli, sono precisini e puntigliosetti in cucina!).
      L'Alalunga é stata una scoperta anche per noi, mai comprata prima, ma dal gusto unico!
      Aspetta aspetta... E secondo me saprai già che burger arriverà: carne, pesce... e ora?!?
      Un abbraccio cara!

      Elimina
  2. Ed io non faccio altro che passare di qui e sbavare :-P la proposta di oggi è davvero eccezionale con un abbinamento di sapori incredibile!
    Complimentii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah!! Grazie cara, sei sempre gentilissima... Siamo felicissime di ricevere le tue visite e leggerti tra i nostri commenti!
      Un grande abbraccio

      Elimina
  3. Bellissimo invoglia un casino....che dire sono senza parole ma di fame ne ho in abbondanza....che faccio passo da te per pranzo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vieni vieni... Tu porta il tuo grattacielo di hamburger, facciamo un baratto!!!
      Grazie mille cara!
      Un abbraccio

      Elimina
  4. se me ne fossi accorta prima venivo anceh io a pranzo!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prossima volta ci organizziamo e facciamo un raduno!! ;)

      Elimina
  5. Ciao cara! Che splendida ricetta! Adoro il fishburger, lo prendo sempre al fast-food!!!! Mai pensato però di farmelo in casa da me..copio, copio!!!
    Colgo l’occasione per invitarti al mio nuovo contest “Creazioni in Kucina”, dove potrai partecipare con ricette vegetariane, etniche o lievitati. In palio splendidi regali totalmente realizzati a mano dalla mia amica Eleonora ERCreazioni. Ti lascio il link così puoi scoprire di che si tratta:
    http://www.kucinadikiara.it/2015/06/crezioni-in-kucina.html
    Un abbraccio e buona serata,
    Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima!!! Sisi, copia copia.. E fammi sapere!!
      Bellissimo il tuo contest, cercherò di partecipare molto volentieri!!
      Un abbraccio

      Elimina
  6. Che spettacolooo!!!
    Bravissima!!
    Un abbraccio
    Vera

    RispondiElimina
  7. ciao!!!! complimenti questo burger è stupendo sia da vedere per l'accostamento di colori sia da mangiare per i gusti che contrastano dal dolce al salato al piccante, ottimo!!!! un grosso bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tizi!! Sono molto felice che ti piaccia...!!

      Elimina
  8. Certo che mi metti nei guai... non so quale scegliere per primo questo ho quello di carne..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah.. Fai uno e uno, e ti levi ogni dubbio...!
      PS: ne arriverà un terzo... Occhio!! ;)

      Elimina
  9. L'alalunga non l'ho mai vista ne' mangiata. Ora mi hai messo curiosità :) Intanto resto ammirata davanti a questo panino che gioca con le cromie di colori favolosamente. Il nero che racchiude tutti quei colori mi piace da impazzire e poi quei sapori che viaggiano dal Nord al Sud dell'Italia, portando un po' di Sicilia, un po' di Liguria e di Veneto, passando per la Calabria. Insomma davvero bella proposta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per l'ala lunga provala, merita proprio!
      L'effetto cromatico era proprio quello che volevamo ottenere, per invogliare non solo il palato, ma anche la vista all'assaggio!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Finale Rice Food Blogger Giuseppina Carboni e il nostro risotto "Primavera in cortile"

Ieri ci siamo riviste. E' stata un'emozione arrivare seconde alla Finale del Rice Food Blogger Organizzato da Luca Puzzuoli in onore dell'amica Giuseppina Carboni. E più che una gara per noi è stato un momento di condivisione. Di bei momenti tra vecchi e nuovi amici. Tutti con una passione comune:la cucina.
L'evento si è svolto nel magnifico Relais Borgo San Faustino, ad Orvieto. In mezzo alla campagna umbra io, Marta, Ilaria, Angela, Sara ed Alessia, ci siamo sfidate a colpi di mestoli e pentole per aggiudicarci il titolo del Miglior Risotto.
Gli ingredienti? Tutti differenti, e a noi ignoti fino all'ultimo, scelti accuratamente dallo chef Gregory.
A giudicare il nostro piatto? Otto giudici con la G maiuscola: Cristiana Curri Vincitrice del Contest Rice Food Blogger “Chef Giuseppina Carboni” 2016 Gregori Nalon Chef di Alice Tv Franca Rizzi conduttrice di Casa Alice
Silvia Baracchi Chef Stella Michelin del Relais & Chateaux Il Falconiere di Cortona
Anna Maria Pellegrino…

Metti l'Artusi a cena....

Io, nel mondo dell'Artusi, ci sarei vissuta a meraviglia.  La dolce metà sostiene che io sia nata nonna, con la volontà di soddisfare i palato di tutti e riempire le pance di qualsivoglia passante.
E lui? Come avrebbe vissuto i nostri giorni?  Credo sarebbe stato profondamente colpito dall'abbondanza, tutto deve essere big, dal maxiburger all'ultimo cellulare di tendenza.  Credo sarebbe rimasto sconvolto dalla spreco che inneggia nella maggior parte delle case. Penso che sarebbe rimasto inorridito dai piatti "dipinti" e dalla poca consistenza per lo stomaco di quei tempi, dove il cibo significava più energia che aspetto.
Ed è per questo motivo che mi trovo profondamente in linea con la cucina di quel tempo. Pur rinnovandomi e sperimentando nuove tecniche e preparazioni i miei piatti si basano sulla sostanza e sul mangiar bene, inteso non solo come buon mangiare ma anche come star bene, assieme a persone che ti rendono felice. Nella giornata nazionale dell'Artusi, cel…