Passa ai contenuti principali

Polpo alla luciana



Questa ricetta mi accompagna fin da quando ero bambina.
Sono sempre stata una bimba dal palato fino. 
Mi è sempre piaciuto assaggiare, abbinare e, perchè no, pasticciare.
Mi piaceva toccare il cibo, non per gioco, ma per capirne la consistenza al tatto: rugoso, liscio, pungente o vellutato.
Ogni ingrediente, a modo suo, mi affascinava.

Più di tutti? 
Il polpo.
Con i suoi tentacoli, appiccicosi e più volte avvolgenti.
Liscio, vellutato e dal sapore di mare.
E la ricetta che puoi adoravo? Il polpo alla luciana, cotto con il pomodoro, qualche aroma e solo il suo sapore.

A casa noi lo abbiamo sempre cotto nella pentola a pressione.
Trovo che sia un'ottima tecnica di cottura, infatti oltre alla riduzione dei tempi di cottura, i sapori restano all'interno della camera che viene a crearsi e il gusto resta più intenso.


Ingredienti:
un polpo da 800gr/1 Kg
Un ciuffo di prezzemolo intero
due pomodori ramati
un peperoncino
uno spicchio di aglio

Esecuzione:
Pulire il polpo lasciandolo intero, pulendo unicamente la test ed eliminando occhi e becco.
In una pentola adatta per la cottura a pressione adagiare il polpo,
aggiungere un ciuffo di prezzemolo intero, i due pomodori schiacciati direttamente con le mani nella pentola, l'aglio e il peperoncino.
Chiudere la pentola, senza aggiungere sale, poichè il polpo già rilascerà la sua sapidità.
Cuocere, dal fischio della pentola, per circa 30/40 minuti.
E' ottimo gustato caldo, e il sugo può essere utilizzato per condire della pasta.







Commenti

  1. Fantastica ricetta! Semplice e no stress, da provare assolutamente :-) Grazie e felice serata <3

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Finale Rice Food Blogger Giuseppina Carboni e il nostro risotto "Primavera in cortile"

Ieri ci siamo riviste. E' stata un'emozione arrivare seconde alla Finale del Rice Food Blogger Organizzato da Luca Puzzuoli in onore dell'amica Giuseppina Carboni. E più che una gara per noi è stato un momento di condivisione. Di bei momenti tra vecchi e nuovi amici. Tutti con una passione comune:la cucina.
L'evento si è svolto nel magnifico Relais Borgo San Faustino, ad Orvieto. In mezzo alla campagna umbra io, Marta, Ilaria, Angela, Sara ed Alessia, ci siamo sfidate a colpi di mestoli e pentole per aggiudicarci il titolo del Miglior Risotto.
Gli ingredienti? Tutti differenti, e a noi ignoti fino all'ultimo, scelti accuratamente dallo chef Gregory.
A giudicare il nostro piatto? Otto giudici con la G maiuscola: Cristiana Curri Vincitrice del Contest Rice Food Blogger “Chef Giuseppina Carboni” 2016 Gregori Nalon Chef di Alice Tv Franca Rizzi conduttrice di Casa Alice
Silvia Baracchi Chef Stella Michelin del Relais & Chateaux Il Falconiere di Cortona
Anna Maria Pellegrino…

Metti l'Artusi a cena....

Io, nel mondo dell'Artusi, ci sarei vissuta a meraviglia.  La dolce metà sostiene che io sia nata nonna, con la volontà di soddisfare i palato di tutti e riempire le pance di qualsivoglia passante.
E lui? Come avrebbe vissuto i nostri giorni?  Credo sarebbe stato profondamente colpito dall'abbondanza, tutto deve essere big, dal maxiburger all'ultimo cellulare di tendenza.  Credo sarebbe rimasto sconvolto dalla spreco che inneggia nella maggior parte delle case. Penso che sarebbe rimasto inorridito dai piatti "dipinti" e dalla poca consistenza per lo stomaco di quei tempi, dove il cibo significava più energia che aspetto.
Ed è per questo motivo che mi trovo profondamente in linea con la cucina di quel tempo. Pur rinnovandomi e sperimentando nuove tecniche e preparazioni i miei piatti si basano sulla sostanza e sul mangiar bene, inteso non solo come buon mangiare ma anche come star bene, assieme a persone che ti rendono felice. Nella giornata nazionale dell'Artusi, cel…