Passa ai contenuti principali

Pulled pork al negroni e coleslaw


I panini farciti con "le peggio cose" sono i nostri piatti preferiti.
Ci piace mangiarli davanti alla tv, sbrodolandoci guardando un bel film.

Quando ho scoperto il tema della sfida dell'MTChallenge, inizialmente sono andata in crisi, essendo io una non amante degli alcolici.
Poi però ho deciso di studiare le tecniche, di fare mie certe preparazioni e così ecco l'idea.
Ringrazio Giulia, vincitrice della scorsa sfida, per averci messe alla prova, e ringrazio il suo post, per averci aperto un mondo sulla cucina alcolica.

La mia scelta? Se dovevo buttarmi, dovevo farlo con un grande classico, quindi ho scelto il Negroni.
Come l'ho usato? Essendo il Gin a base di ginepro ho pensato di abbinarlo a una carne di maiale... Pronta per essere buttata in un morbido panino!

Il Negroni:
1 parte di Gin
1 parte di Vermouth
1 parte di Bitter 
Arancio

Pulled pork al Negroni e Coleslaw:
Ricetta base pulled pork:

2 cucchiai di zucchero di canna
2 cucchiai di paprika dolce
1 cucchiaio di cumino
1 cucchiaio di aglio
1 cucchiaio di pepe
1 cucchiaino di sale affumicato
1 cucchiaino di peperoncino
senape, da spalmare
La marinatura:
100ml Vermouth
100ml Bitter
100ml Gin

Per la coleslaw:
1 cavolo verza
carote a julienne
3 cipollotti
2 mele acidule
Per la salsa dell'insalata:
500 ml yogurt bianco
250 gr maionese
150 ml senape dolce
mezzo bicchiere di aceto bianco
sale e pepe

Per la salsa di accompagnamento(e qui ringrazio il club del 27):
Succo di arancia
Olio
3 cucchiai di marmellata di arance amare
sale e pepe

Panini da hamburger

Esecuzione:
Preparare la marinata mescolando gli ingredienti nel Negroni e bagnando e massaggiando la carne con questa bagna.
Porre in frigo mezza giornata, rigirando più volte durante la giornata.
Alla sera preparare il rub:
Spalmare la carne con la senape e "panarla" con il mix di spezie e aromi mescolato accuratamente.
Riporre in luogo fresco per tutta la notte.
Il giorno dopo preparare l'insalata e lasciarla fermentare.
Accendere il forno 120°.
Una volta che il forno è caldo infornare il pork con sonda al cuore.
Cuocere per molte ore, bagnando con la salsa al Negroni per tutta la cottura.
Finita la bagna pescare il fondo di cottura dalla teglia e bagnare continuativamente con quest'ultima.
La carne sarà cotta quando raggiunge i 93° al cuore.
Nel frattempo preparare la salsa per l'insalata mescolando tutte le salse e regolando di sale.
Togliere al forno e iniziare il rest: riposo della carne coperto di carta stagnola per 40'/un'ora.
Condire l'insalata con la salsa allo yogurt.
Stracciare la carne.
Preparare la salsa all'arancia mescolando tutti gli ingredienti in una ciotolina.

Preparare il panino disponendo:
Insalata
Pulled pork
Salsa

Godetevelo!







Con questa ricetta partecipo alla sfida n°69 dell'MTC
banner_sfidadelmese_69

Commenti

  1. Oddio da quanto tempo non mi concedo un bel panino sbrodoloso come questo..mi avete fatto venire l'acquolina :-P

    RispondiElimina
  2. Come non amare i panini porcosi e sbrodolosi, soprattutto se addentati sul divano davanti ad un bel film.. sono un patrimonio dell'umanità! E devo dire che, dopo aver assaggiato il mio primo pulled pork con coleslaw nelle vacanze di Natale, questo è un gran signor panino porcoso, e sono onorata che l'abbiate reinterpretato onorando la mia sfida.
    Intanto avete scelto un piatto che proprio si addice alla grandissima con una sfida a tema alcolico, perché un bel cocktail per pulire la bocca dopo il panino me lo vedo più che bene, ma devo dire che avete azzeccato perfettamente l'abbinamento maiale/ginepro e, più in generale, maiale/marinata alcolica.
    Una destrutturazione che mi piace davvero molto, brave!

    RispondiElimina
  3. pulled pork da urlo: indipendentemente dalla sfida, dalla coleslaw e pure dal panino questo lo rifaccio di sicuro!

    RispondiElimina
  4. sono in ginocchio, pronta per la proposta di matrimonio. Vi lovvo di un amore eterno ed infinito- e vi giuro che son sobria, per il momento. Bravissime!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

La mia Victoria Sponge Cake per il club del 27!

Qualcuno direbbe, ci sono cose che non si possono provare, per tutto il resto, c'é MtChallenge!

Sì, perchè alcune preparazioni o ricette, se non le propongono le menti diaboliche dell'MTC, tanti di noi non le sognerebbero nemmeno, vero??

Eppure ogni volta, scoprire nuovi dettagli e condividere nuove preparazioni è uno stimolo e una spinta a migliorarsi.
E così quando si è palesata l'idea di un club, con vari temi, di mese in mese, per sperimentare e cucinare insieme, non ho potuto dire di no!
L'idea è quella di proporre un ventaglio di ricette, tutte collegate da un filo conduttore, da modificare e reinterpretare, senza snaturare la ricetta originale.

Questo mese il tema è "Layer Cake" e io mi sono unita al gruppo con una Victoria Sponge Cake alle fragole.
Ho eseguito la ricetta originale, sostituendo la marmellata di lamponi con quella di fragole, pensando all'ottimo abbinamento panna e fragola!
Una ricetta più semplice del previsto, bellissima da vedersi e ott…

Parmigiana di melanzane a freddo e il nostro weekend ad Agerola per Risate e Risotti

Un weekend all'insegna della cultura alimentare e della biodiversità.
Ecco come posso definire il weekend passato (3-5 Marzo 2017).

La ricetta che propongo oggi è infatti un elogio agli ingredienti magnifici che ho trovato in questo territorio.
Lo chef che ci ha guidate in questo magnifico tour enogastronomico è Antonio Villani, chef del ristorante dell'hotel San Pietro a Positano.

Come siamo finite in questo magnifico luogo? 
L'organizzatore dell'evento Risate e Risotti, Luca Puzzuoli, ci ha invitate come ospiti, assieme alla foodblogger Cristiana, ad Agerola, magnifico paese nell'entroterra della costiera amalfitana.
Un'occasione per cucinare con grandi chef e per scoprire luoghi da noi mai visitati.

Nella giornata di sabato, affiancate da chef preparati e qualificati, abbiamo preparato una ricca cena per l'agriturismo La Cascina del Sole ad Agerola.
Splendidi piatti, magnifiche preparazioni corredate da accurate spiegazioni ci hanno accompagnate per tutta la gio…