Passa ai contenuti principali

Su mustazzeddu: focaccia sarda ripiena.




Nonostante le mie origini liguri, amo conoscere e sperimentare preparazioni di focacce di varia provenienza.
E in effetti questa preparazione si presta a molteplici variazioni e sfumature, basta cambiare una farina o una farcitura.
 Oggi, per la giornata nazionale della focacce e pizze condite ho deciso di prendere un traghetto immaginario, sbarcare sulle terre sarde fino a raggiungere le zone del Sulcis-inglesiente, per assaggiare Su Mustazzeddu, una focaccia condita con pomodoro aglio e basilico, ma che si presta a molteplici varianti, in base alla fantasia di chi la prepara.
Su internet si trovano molteplici versioni, io ho semplicemente adattato la ricetta alle mie esigenze, utilizzando lievito di birra poiché il mio lievito madre non era abbastanza attivo e usando dei pomodori in conserva anziché quelli freschi, basta utilizzare prodotti di qualità.

Ingredienti:
350 gr di rimacinato di semola
150 gr di farina di grano duro

250 gr di acqua fredda

150 gr di pasta madre o 10 gr lievito di birra fresco

10 gr di sale fino

50 gr di olio extravergine di oliva

1,5 Kg di pomodori sardi maturi o pomodori in conserva(io ho utilizzato datterini Ciro flanella)
abbondate basilico fresco
q.b. di sale e di pepe

due cucchiai di olio extravergine di oliva

Esecuzione:
In una planetaria mescolare le farine, aggiungere il lievito, 
il sale, l'olio evo e l'acqua. Impastare fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo. 
Formare un panetto, infarinate il fondo di una capiente ciotola e metterelo coperto a lievitare fino al raddoppio.
Riprendere l'impasto, sgonfiarlo impastando velocemente e rimetterlo a lievitare ancora un'ora.
Per il ripieno:
Lavare e tagliare a pezzetti i pomodori. Metteterli in una ciotola e condirli.
Riprendere l'impasto e stenderlo fino a ottenere un'altezza di circa 2 cm. Oliare una teglia e posizionare la sfoglia facendola uscire dai bordi della teglia, realizzando un contenitore. 
Versare al centro del contenitore i pomodori conditi.
Infornare a 240° per 30/40 minuti, abbassando a 220° se si dovessse colorare troppo l'impasto.
Sfornate e lasciate intiepidire prima di sformare.

Commenti

  1. Questa focaccia deve essere davvero buona! Personalmente la trovo fantastica con la farcia di pomodori!!!

    RispondiElimina
  2. Non conoscevo questo piatto. Molto appetitoso!

    RispondiElimina
  3. mamma che bontà. mi è venuta un'acquolina incredibile

    RispondiElimina
  4. Ieri ci ho sbavato sopra, ma la connessione ballerina mi ha impedito di dire quanto mi sia piaciuta. Rimedio oggi (e ricomincio a sbavare).

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La Sicilia nel cuore.. e nel piatto: Pasta con tonno, datterini e pesto di pistacchi

La Sicilia, terra dei miei nonni materni, io non l'avevo mai vista. E cosa mi ero persa. Terra di storia, quella antica. Di templi, cattedrali e monumenti. Terra di sapiente cultura culinaria, un mix di etnie, che si sono susseguite, lasciando la loro traccia nei piatti che raccontano quest'isola.
E io non potevo che innamorarmene. Degli usi e costumi, radicati della quotidianità delle persone. Degli accenti e cadenze nel parlare, che a me sono suonati così familiari. Dei modi, che ti fanno sentire come se fossi a casa. Delle storie che ti racconta la gente del luogo, che in quei luoghi ci ha vissuto, lavorato.
Ho imparato in questa vacanza, non ho solo viaggiato. Sono rimasta affascinata dai racconti e ne ho fatto tesoro.
Ho cercato in questa ricetta di riassumere quello che mi è rimasto più nel cuore di questo viaggio:  la tonnara della splendida isola di Favignana, raccontata dal cuore innamorato di un suo lavoratore, Zio Peppe. le saline di Trapani, dove, abbagliati dal sole, si capisc…

Di ritorno dalle vacanze con una ricetta tutta ligure: Pansoti in salsa di noci

Le vacanze sono finite, trascorse, terminate. Adoro viaggiare, scoprire nuovi angoli di bellezza, rimanere abbagliata dalla cultura dei luoghi e delle persone. Ma adoro anche tornare, rivedere i miei angoli di paradiso, rispolverare le mie, di tradizioni, questa volta... Magari con un pizzico di innovazione.
E così nascono questi pansoti, tipica ricetta della mia terra e pilastro saldo della mia cucina. Li ho già fatti molte volte, ma questi rappresentano la versione più povera, priva di ricotta con unicamente tante verdure di campo nel ripieno.

Per dare un tocco di innovazione ho inserito pezzettini di foglie di maggiorana nella sfoglia.


Ingredienti: Per la pasta: 400 gr farina 2 uova foglioline di maggiorana acqua q.b. Per il ripieno: 1 kg preboggion(erbe di campo miste) 1 spicchio di aglio parmigiano reggiano q.b. maggiorana noce moscata Per la salsa di noci: 200 gr noci 50 gr pinoli 4 foglie di prezzemolo maggiorana 1 spicchio di aglio mollica di un panino ammollata nel latte
Esecuzione: Impastare tutti gl…