Passa ai contenuti principali

Gelo di mandorla e le teste di moro di Caltagirone


Chi non ha mai visto, almeno una volta, le bellissime teste, o graste, come le chiamano in Sicilia, di Caltagirone o Santo Stefano di Camastra?

Questi splendidi capi decorati sono soliti essere disposti all'esterno dei vasi di fiori di questa splendida cittadina. 
E come mai?

Narra una leggenda che a Palermo, nel quartiere della Kalsa, vi abitasse una bellissima ragazza.
Quest'ultima era solita trascorrere molto tempo al balcone, curando i fiori dei suoi vasi.
Un giorno un ragazzo arabo, vedendola assorta nella cura delle sue piante, se ne innamorò perdutamente.
E la fanciulla contraccambiò il suo amore.
Purtroppo il ragazzo aveva già moglie e figli nella terra di origine e quando la ragazza scoprì il suo segreto e il fatto che sarebbe dovuto ritornare a casa, gli tagliò la testa e ne fece una grasta, in cui seminò basilico e fiori.
 Per lei unico modo per tenere con sè l'amato moro. Innaffiata a lacrime della ragazza la pianta crebbe e, così bella, destò l'invidia dei vicini e passanti che si fecero creare dei vasi che ricreassero la testa del moro.

E chi non ha mai assaggiato il gelo in Sicilia?
Viene preparato con vari gusti: mellone(anguria), melone, limone, gelsomino, caffè e mandorla sono i gusti più classici.
Per la giornata nazionale del Gelo , ho deciso di contribuire con una storia rappresentativa della Sicilia e una sua ricetta tipica: il gelo di mandorle.

Ingredienti:
500 ml latte di mandorla (sotto la spiegazione di come prepararlo)
50 gr amido di mais
100 gr zucchero

Esecuzione:
Per il latte:
Buttare in acqua bollente 270 gr di mandorle, privarle della pellicina e pestarle nel mortaio, ottenendo una crema.
Mettere le mandorle all'interno di un panno di lino e lasciarle in infusione in un litro di acqua, strizzando spesso per ottenere la lattata.
Zuccherare e conservare in frigo fino all'utilizzo.
In un pentolino sciogliere l'amido nel latte e portare a bollore.
Continuare la cottura per una decina di minuti, mescolando continuamente: si dovrà creare una crema densa.
Lasciare raffreddare e insaporire a piacere con granella, cannella, gelsomino o cioccolato.
Trasferire in stampini di silicone e lasciare raffreddare almeno 3 ore.
Sformare, decorare e.. gustare.





Con questa ricetta partecipo alla giornata nazionale del gelo per il calendario del cibo italiano.



Commenti

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

La mia Victoria Sponge Cake per il club del 27!

Qualcuno direbbe, ci sono cose che non si possono provare, per tutto il resto, c'é MtChallenge!

Sì, perchè alcune preparazioni o ricette, se non le propongono le menti diaboliche dell'MTC, tanti di noi non le sognerebbero nemmeno, vero??

Eppure ogni volta, scoprire nuovi dettagli e condividere nuove preparazioni è uno stimolo e una spinta a migliorarsi.
E così quando si è palesata l'idea di un club, con vari temi, di mese in mese, per sperimentare e cucinare insieme, non ho potuto dire di no!
L'idea è quella di proporre un ventaglio di ricette, tutte collegate da un filo conduttore, da modificare e reinterpretare, senza snaturare la ricetta originale.

Questo mese il tema è "Layer Cake" e io mi sono unita al gruppo con una Victoria Sponge Cake alle fragole.
Ho eseguito la ricetta originale, sostituendo la marmellata di lamponi con quella di fragole, pensando all'ottimo abbinamento panna e fragola!
Una ricetta più semplice del previsto, bellissima da vedersi e ott…

Parmigiana di melanzane a freddo e il nostro weekend ad Agerola per Risate e Risotti

Un weekend all'insegna della cultura alimentare e della biodiversità.
Ecco come posso definire il weekend passato (3-5 Marzo 2017).

La ricetta che propongo oggi è infatti un elogio agli ingredienti magnifici che ho trovato in questo territorio.
Lo chef che ci ha guidate in questo magnifico tour enogastronomico è Antonio Villani, chef del ristorante dell'hotel San Pietro a Positano.

Come siamo finite in questo magnifico luogo? 
L'organizzatore dell'evento Risate e Risotti, Luca Puzzuoli, ci ha invitate come ospiti, assieme alla foodblogger Cristiana, ad Agerola, magnifico paese nell'entroterra della costiera amalfitana.
Un'occasione per cucinare con grandi chef e per scoprire luoghi da noi mai visitati.

Nella giornata di sabato, affiancate da chef preparati e qualificati, abbiamo preparato una ricca cena per l'agriturismo La Cascina del Sole ad Agerola.
Splendidi piatti, magnifiche preparazioni corredate da accurate spiegazioni ci hanno accompagnate per tutta la gio…