Passa ai contenuti principali

Sbriciolata alle ciliegie e mascarpone


I frutti estivi mi piacciono tutti.

Mentre d'inverno faccio davvero fatica a scegliere un frutto da gustare, d'estate i colori e i sapori di questi prodotti mi rapiscono.
Mi piacciono al naturale, tagliati a cubetti per una gustosa macedonia, frullati in uno smoothie e, come sempre, in una torta.

E inauguriamo la stagione con i primissimi frutti, in ordine di "
apparizione sul mercato, di cui vado matta: le ciliegie.
Nonostante l'indigestione fatta quando ero piccola, riesco comunque a mangiarne a quintali. 
Iniziano a piacermi già in versione floreale, quando riempono di fiori bianchi gli alberi lungo la via di casa.
Quando poi diventano frutti sono un invito all'assalto del giardino del vicino.
Una tira l'altra. Nel vero senso della parola.
Dolci, rotonde e piccole. 
Innocue...
Forse per voi, non per me.

Ingredienti:
per la sbriciolata
300 gr di farina
150gr zucchero
1 uovo
100 gr burro
un pizzico di sale
per il ripieno
250 gr ciligie pulite e denocciolate
50 gr zucchero + 20 gr per le ciligie
1 uovo
250 gr mascarpone

Esecuzione:
Mescolare tutti gli ingredienti della base inserendoli nella planetaria o disponendoli a fontana su di una spianatoia.
Lavorare qualceh minuto ottenendo un impasto omogeneo, ma non compatto, simile a delle briciole.
Disporre metà di questo impasto in una tortiera per crostate o a cerniera precedentemente imburrata ed infarinata.
Nel frattempo pulire le ciliegie, tagliarle a metà e saltarle in padella, pochi minuti, con 20 gr di zucchero.
Lasciare raffreddare.
In una boule montare con le fruste il mascarpone con lo zucchero ed infine unire l'uovo.
Sulla base della torta versare in modo uniforme il composto di formaggio e sopra versarvi le ciliegie, lasciando un bordo vuoto intorno (in questo modo il succo delle ciligie non brucerà con il calore).
Ricoprire tutto il ripieno e il bordo con le restanti briciole.
Infornare a 180° per 30/40 minuti, fino a che la torta non sia bella dorata.
Sfornare e lasciare raffreddare completamente.
E' ottima sia fredda che a temperatura ambiente.






Commenti

  1. Wow! Una variante di quella che ho fatto io poche settimane fa con fragole e ricotta. La tua è ancora più golosa! Me la segno!

    RispondiElimina
  2. Wow! Una variante di quella che ho fatto io poche settimane fa con fragole e ricotta. La tua è ancora più golosa! Me la segno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sarò felice se proverai anche la mia versione!

      Elimina
  3. Anch'io amo follemente i frutti di questa stagione, in particolare sono cherry-addicted :-P peccato che dalle mie parti siano state date x disperse quest'anno e le uniche sui banchi del mercato sono albine e con prezzi stratosferici O_O
    Mi godo la vostra sbriciolata che già immagino sarà sublime :-P
    Buon 2 giugno e a presto <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo, ma davvero? qui sembrano spopolare, complice un inverno mite e poca pioggia

      Elimina
  4. Che invito a nozze... Deve essere divina, una fettina a me e al mio piccolino! :-)

    RispondiElimina
  5. Mmmmmm ma che squisitezza! Complimenti! Una ricetta fantastica!!!
    unospicchiodimelone!

    RispondiElimina
  6. ottimo modo per portare le ciliegie nel dessert

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, felici che ti piaccia la nostra proposta!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Finale Rice Food Blogger Giuseppina Carboni e il nostro risotto "Primavera in cortile"

Ieri ci siamo riviste. E' stata un'emozione arrivare seconde alla Finale del Rice Food Blogger Organizzato da Luca Puzzuoli in onore dell'amica Giuseppina Carboni. E più che una gara per noi è stato un momento di condivisione. Di bei momenti tra vecchi e nuovi amici. Tutti con una passione comune:la cucina.
L'evento si è svolto nel magnifico Relais Borgo San Faustino, ad Orvieto. In mezzo alla campagna umbra io, Marta, Ilaria, Angela, Sara ed Alessia, ci siamo sfidate a colpi di mestoli e pentole per aggiudicarci il titolo del Miglior Risotto.
Gli ingredienti? Tutti differenti, e a noi ignoti fino all'ultimo, scelti accuratamente dallo chef Gregory.
A giudicare il nostro piatto? Otto giudici con la G maiuscola: Cristiana Curri Vincitrice del Contest Rice Food Blogger “Chef Giuseppina Carboni” 2016 Gregori Nalon Chef di Alice Tv Franca Rizzi conduttrice di Casa Alice
Silvia Baracchi Chef Stella Michelin del Relais & Chateaux Il Falconiere di Cortona
Anna Maria Pellegrino…

Metti l'Artusi a cena....

Io, nel mondo dell'Artusi, ci sarei vissuta a meraviglia.  La dolce metà sostiene che io sia nata nonna, con la volontà di soddisfare i palato di tutti e riempire le pance di qualsivoglia passante.
E lui? Come avrebbe vissuto i nostri giorni?  Credo sarebbe stato profondamente colpito dall'abbondanza, tutto deve essere big, dal maxiburger all'ultimo cellulare di tendenza.  Credo sarebbe rimasto sconvolto dalla spreco che inneggia nella maggior parte delle case. Penso che sarebbe rimasto inorridito dai piatti "dipinti" e dalla poca consistenza per lo stomaco di quei tempi, dove il cibo significava più energia che aspetto.
Ed è per questo motivo che mi trovo profondamente in linea con la cucina di quel tempo. Pur rinnovandomi e sperimentando nuove tecniche e preparazioni i miei piatti si basano sulla sostanza e sul mangiar bene, inteso non solo come buon mangiare ma anche come star bene, assieme a persone che ti rendono felice. Nella giornata nazionale dell'Artusi, cel…