Passa ai contenuti principali

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi


Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai.
Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy.
Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?

Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy.
Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia.
Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 

Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe. 
Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.

Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei? 
Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito.
La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.

Per la ricetta del tiramisù ho seguito la ricetta di Susy, modificando unicamente la bagna.
Ho pensato infatti a una bagna ai lamponi, realizzata semplicemente con lamponi frullati con poco limone e zucchero.

Tiramisù alla Marilyn

Ingredienti:
500 gr mascarpone
4 uova
4 cucchiai di zucchero
2 vaschette di lamponi
mezzo limone spremuto + un cucchiaio di zucchero
1 pacchetto di savoiardi

Esecuzione:
Dividere il tuorlo dall'albume, mettendoli in due ciotole separate.
Aggiungere lo zucchero ai tuorli e mescolarli bene anche con l'aiuto di fruste elettriche.
Unire il mascarpone e mescolare fino ad ottenere un composto liscio e denso.
Montare i bianchi a neve ferma e incorporarli alla crema di  mascarpone.
A parte frullare i lamponi con limone e zucchero, conservandone qualcuno per la decorazione.
Immergere i savoiardi nella bagna dei lamponi, disporli sul fondo dei bicchieri e ricoprire con la crema.
Creare un altro strato di savoiardi e uno successivo di crema, decorando infine con i lamponi e qualche goccia di succo di lampone.






Con questa ricetta partecipo alla sfida n°61 dell'MTChallenge



Commenti

  1. Il tiramisù è uno di quei dolci che rifarei anche tutte le settimane, non mi stanca mai, soprattutto se ci facciamo queste piccole varianti come il tuo. Bacioni grandi!

    RispondiElimina
  2. Marilyn era davvero unica e insostituibile. Un fascino che non ha più avuto eguali. Lo hai reso molto bene in questo dolce, semplice ma al contempo raffinato. Bravissima.

    RispondiElimina
  3. Che meravigliosa alternativa al solito tiramisu' (che a me nemmeno piace..). Complimenti!

    RispondiElimina
  4. Se volevate prendere una mamma per la gola ci siete proprio riuscite... Meraviglia, di tiramisu alternativi ne so qualcosina e questo è divino! <3

    RispondiElimina
  5. d'altronde, il sexy questo e'. Un dettaglio, una sfumatura, una scia di profumo nell'aria. Come sapeva benissimo la signora, con le due gocce di Chanel n. 5 indossate prima di andare a dormire. Avete centrato tutto: icona sexy e ispirazione. Brave!

    RispondiElimina
  6. la mia Marilyn, io per lei ho una venerazione, sono una fan accanita, vado alle mostre, colleziono le sue fotografie, insomma ho tutto il corollario.
    Quando mi trovo davanti ad un tiramisù come questo che ha semplicità e dolcezza, non posso che esclamare che tutto ciò è sensualissimo.
    Avete reso omaggio ad un'icona super sexy e l'omaggio è riuscito perfettamente, davvero brave.

    RispondiElimina
  7. Il tiramisù è già così tanto sensuale e buono di suo che non ha bisogno di particolari aggiunte o stravolgimenti. Basta una piccola nota, per renderlo speciale, come quella data dai lamponi! Un bacione

    RispondiElimina
  8. Adoro il tiramisù e questo ha davvero un aspetto moooolto cremoso, mooolto invitante, mooolto goloso....sì...lo voglio!!!
    Bravissime

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

La mia Victoria Sponge Cake per il club del 27!

Qualcuno direbbe, ci sono cose che non si possono provare, per tutto il resto, c'é MtChallenge!

Sì, perchè alcune preparazioni o ricette, se non le propongono le menti diaboliche dell'MTC, tanti di noi non le sognerebbero nemmeno, vero??

Eppure ogni volta, scoprire nuovi dettagli e condividere nuove preparazioni è uno stimolo e una spinta a migliorarsi.
E così quando si è palesata l'idea di un club, con vari temi, di mese in mese, per sperimentare e cucinare insieme, non ho potuto dire di no!
L'idea è quella di proporre un ventaglio di ricette, tutte collegate da un filo conduttore, da modificare e reinterpretare, senza snaturare la ricetta originale.

Questo mese il tema è "Layer Cake" e io mi sono unita al gruppo con una Victoria Sponge Cake alle fragole.
Ho eseguito la ricetta originale, sostituendo la marmellata di lamponi con quella di fragole, pensando all'ottimo abbinamento panna e fragola!
Una ricetta più semplice del previsto, bellissima da vedersi e ott…

Parmigiana di melanzane a freddo e il nostro weekend ad Agerola per Risate e Risotti

Un weekend all'insegna della cultura alimentare e della biodiversità.
Ecco come posso definire il weekend passato (3-5 Marzo 2017).

La ricetta che propongo oggi è infatti un elogio agli ingredienti magnifici che ho trovato in questo territorio.
Lo chef che ci ha guidate in questo magnifico tour enogastronomico è Antonio Villani, chef del ristorante dell'hotel San Pietro a Positano.

Come siamo finite in questo magnifico luogo? 
L'organizzatore dell'evento Risate e Risotti, Luca Puzzuoli, ci ha invitate come ospiti, assieme alla foodblogger Cristiana, ad Agerola, magnifico paese nell'entroterra della costiera amalfitana.
Un'occasione per cucinare con grandi chef e per scoprire luoghi da noi mai visitati.

Nella giornata di sabato, affiancate da chef preparati e qualificati, abbiamo preparato una ricca cena per l'agriturismo La Cascina del Sole ad Agerola.
Splendidi piatti, magnifiche preparazioni corredate da accurate spiegazioni ci hanno accompagnate per tutta la gio…