Passa ai contenuti principali

Delizia al limone di Sal de Riso


Durante il mio soggiorno in costiera amalfitana ho sentito molto parlare di "lei".

Più volte mi hanno detto "non puoi partire senza assaggiarla... Non puoi andartene senza comprarne una..."

Ma così è stato.
E sono andata via dalla costiera amalfitana senza aver dato nemmeno una forchettata alla Delizia al Limone.
Un diludendo terribile.. 
E ho cercato di rimediare.

Complici degli ottimi limoni BIO regalati da un'amica tutti gli anni e una ricetta super consolidata, quella del magnifico Sal de Riso, ho deciso di portare la costiera amalfitana e la sua deliziosa torta, a Genova, direttamente nella mia cucina.

Il risultato è stato magnifico, il gusto ci ha lasciati tutti a bocca aperta.. In attesa del bis! 

Delizia al limone (Sal de Riso)
Ingredienti:

    Per il pan di Spagna: 
    3 uova 
    90 g di zucchero 
    40 g di farina 
    25 g di fecola 
    1 pizzico di sale 
    25 g di mandorle dolci pelate 
    1/2 limone Costa d’Amalfi 
    1/2 baccello di vaniglia
    Per la crema al limone: 
    2 tuorli d’uovo 
    40 g di zucchero 
    40 g di succo e scorza di limone Costa d’Amalfi 
    40 g di burro

    Esecuzione:

    Per il pan di Spagna: 

    Lavorare i tuorli con 40 g di zucchero, la scorza di limone e i semini di vaniglia fino ad ottenere un impasto spumoso.

     In un contenitore a parte, montare gli albumi a neve insieme ad un pizzico di sale e allo zucchero rimasto. In un boule separata riporre la farina setacciata insieme alla fecola e le mandorle tritate finemente. Incorporare i tuorli agli albumi e al mix di farine. Versare il composto ottenuto all'interno dello stampo per mi una tortiera del diametro di 20 cm).

    Mettere inforno per 15 minuti a 170 °C.

    Per la crema al limone: 
    Grattugiare la scorza del limone pulito e poi spremerne il succo. Mettere la scorza grattugiata in infusione nel succo per circa 20 minuti. Sbattere i tuorli con lo zucchero e diluirvi 40 g di succo di limone. 

    Mettere sul fuoco al minimo e, sempre mescolando con un cucchiaio di legno, cuocere fino a 80°.

     Allontanare dal fuoco. 

    Con un mixer a immersione rendere la crema liscia e vellutata. Lasciate raffreddare fino a circa 50°, aggiungere il burro a pezzetti ed emulsionare ancora con il mixer a immersione. Coprire la crema con pellicola e conservare in frigo. 

    Per la Crema pasticcera al limone:

     Riunire in un tegame il latte, la panna e le scorze di limone, portare a ebollizione e lasciate in infusione per 1 ora. Amalgamare con una frusta i tuorli con lo zucchero, i semini di vaniglia, l’amido e il sale. Gradualmente, sempre mescolando, incorporare il latte filtrato. 

    Cuocere fino a che si addensi a lasciare raffeddare.

    Per la bagna al limoncello:
     Sciogliere lo zucchero nell’acqua profumata con la scorza di limone. Portare a bollore per 1 minuto.
    Lasciare raffreddare e unire il limoncello. 
    Assemblaggio:
    Amalgamare la crema al limone ben fredda alla crema pasticciera. Aggiungere 30 g di limoncello e 30 g di panna montata zuccherata. Mescolare tutti gli ingredienti e farcire internamente la torta (io ho tagliato a metà e creato un cuore di crema). 
    Aggiungere alla crema avanzata80 g di panna montata zuccherata, e diluire con 30-40 g di latte fresco, trasformando così la crema in una glassa densa.
    Adagiate la delizia su un piatto e ricoprire il tutto di glassa. Decorare la delizia con un ciuffo di panna montata e del limone grattugiato.
    Conservare in frigorifero fino al momento in cui si servirà.







Commenti

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La mia Victoria Sponge Cake per il club del 27!

Qualcuno direbbe, ci sono cose che non si possono provare, per tutto il resto, c'é MtChallenge!

Sì, perchè alcune preparazioni o ricette, se non le propongono le menti diaboliche dell'MTC, tanti di noi non le sognerebbero nemmeno, vero??

Eppure ogni volta, scoprire nuovi dettagli e condividere nuove preparazioni è uno stimolo e una spinta a migliorarsi.
E così quando si è palesata l'idea di un club, con vari temi, di mese in mese, per sperimentare e cucinare insieme, non ho potuto dire di no!
L'idea è quella di proporre un ventaglio di ricette, tutte collegate da un filo conduttore, da modificare e reinterpretare, senza snaturare la ricetta originale.

Questo mese il tema è "Layer Cake" e io mi sono unita al gruppo con una Victoria Sponge Cake alle fragole.
Ho eseguito la ricetta originale, sostituendo la marmellata di lamponi con quella di fragole, pensando all'ottimo abbinamento panna e fragola!
Una ricetta più semplice del previsto, bellissima da vedersi e ott…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…